Le migliori cuffie True Wireless In Ear

Le migliori cuffie True Wireless In Ear sono gli AirPod della Apple. Nessun altro Set completamente wireless in Ear è in grado di segnare sia L’ascolto della musica che il telefono. Gli AirPods, nonostante o a causa della loro straordinaria progettazione, sono nella maggior parte delle orecchie ben al sicuro e le batterie installate hanno una grande capacità di resistenza.

Le cuffie Bluetooth offrono ai loro colleghi cablati un chiaro vantaggio in termini di comodità, perché si risparmia il cavo dallo Smartphone alle cuffie. Tuttavia, per installare L’elettronica e le batterie necessarie per la ricezione, gli auricolari Bluetooth tradizionali dispongono ancora di una gruccia per il collo o di un collegamento via cavo tra i due auricolari.

Un numero sempre maggiore di produttori cerca di distruggere anche quest’ultimo cavo. La cosiddetta “True Wireless In-Ears”, che funziona completamente senza cavi, è un sogno non solo per gli atleti, ma anche per tutti coloro che si sono strappati le spina dalle orecchie, spesso a causa dell’appesa al cavo. Con il W800BT, Onkyo ha presentato il primo modello Bluetooth In Ear del 2015, senza fili, e un anno dopo è entrato in commercio. Poco dopo, Apple, con l’iPhone 7, introdusse il primo Smartphone senza cuffie, e gli aerei corrispondenti.

Nel frattempo, sono sempre più presenti sul mercato True Wireless In-Ears, dotati di funzioni sanitarie quali sensori di pulsazione e di movimento. Abbiamo testato tre modelli con il Jabra Elite Sport, il Bragi Dash Pro e il Samsung Gear IconX. Oltre alle loro capacità fonetiche, hanno dovuto dimostrare L’interazione con le app di Fitness.

Per le teste particolarmente vantaggiose, si è aggiunto L’Havit G1. Il Set offre una buona attrezzatura al prezzo di battaglia inferiore ai 50 Euro. Un elemento molto particolare: il G1 può essere caricato induttivamente.

In totale, abbiamo avuto 20 cuffie True Wireless nel Test. Dal punto di vista dei Prezzi, essi si situano tra i 15 e i 300 Euro più convenienti.

Sintesi: Le Nostre Raccomandazioni

Apple AirPods

Apple AirPodsGli AirPod della Apple sono adatti sia per ascoltare musica che per telefonare. Grazie a Bluetooth, essi non sono limitati ai dispositivi Apple, ma sono pienamente utilizzabili anche per altri dispositivi. Come sempre con la Apple, il servizio è semplice e anche per la durata della batteria gli AirPod sono tra i migliori. La forma dei tappi per le orecchie dovrebbe essere universale, senza dover montare singoli pezzi di passaporto, ma non sempre funziona: in alcune orecchie i cornetti Apple non vanno bene.

Sennheiser Momentum True Wireless

Sennheiser Momentum True WirelessCi è voluto molto tempo prima che gli specialisti delle cuffie di Sennheiser avessero il loro momento True Wireless sul mercato. L’attesa, tuttavia, è valsa la pena; il primo True Wireless di Sennheiser è una cuffia fantastica, di alta qualità, che punta con un sistema intelligente. Suona molto bene, quindi il prezzo alto non e ‘ una sorpresa.

Sony WF-1000X

Sony WF-1000XIl WF-1000X di Sony si trova di fronte agli ascoltatori Apple per quanto riguarda L’installazione di Noise-Cancelling attivo e di molti passaggi. E ‘anche piu’ udibile, basta fare qualche ritocco al telefono. Anche il comfort Dell’operatore e la durata della batteria sono migliori. Ma sono Un’ottima alternativa per tutti coloro che hanno problemi con la sede degli Airpod.

Jabra Elite Sport

Jabra Elite SportLa nostra migliore raccomandazione in materia di Fitness e Sport è la Jabra Elite Sport: nessun altro ascoltatore True Wireless è più adatto alle attività sportive. Oltre alla colonna sonora, fornisce dati di movimento e frequenza cardiaca. L’applicazione ben strutturata aiuta a creare piani di addestramento efficaci. Grazie a tutti i biglietti, entra in ogni orecchio. Ma non deve nascondersi dietro agli altri: il Jabra Elite Sport fornisce un Sound ben equilibrato.

BlitzWolf BW-FYE1

BlitzWolf BW-FYE1Il Design dei cornici del lupo lampo BW-FYE1 a prima vista non fa pensare che siano così confortevoli e soprattutto al sicuro nelle orecchie. Non solo si vestono bene, ma hanno anche un suono molto buono e trasmettono il suono al telefono da entrambe le parti. L’enorme durata della batteria, superiore a cinque ore per carica, è a favore della BW-FYE. Il prezzo arrotondato è nettamente inferiore a 50 Euro.

True Wireless In-Ears: vantaggi e svantaggi

Non solo durante lo Sport, ma anche durante il viaggio, i cavi disturbano la musica. Sono sempre D’intralcio e tendono a rimanere impenetrabili. True Wireless ha chiuso.

Tuttavia, la libertà senza fili presenta uno svantaggio: le cuffie completamente senza fili hanno una durata molto limitata della batteria, in quanto sono così piccole che non rimane molto spazio per le batterie. Di solito, dopo tre o quattro ore di musica, alcune True Wireless in-Ears riescono a fare solo due ore.

Per questo quasi tutti gli ascoltatori True Wireless sono dotati di una scatola di archiviazione dotata di una batteria propria. E ‘cosi’ che si ricaricano i ricevitori durante il viaggio, per lo piu ‘ fino a tre volte, a condizione che la batteria del Case sia completamente carica.

Oltre alla batteria, tutto l’elettronica deve essere sistemata nei cavi in-Ears. Perché non basta trasmettere il segnale dallo Smartphone ad uno dei due In-Ears per Bluetooth, bisogna anche trasmettere via radio le comunicazioni tra i due auricolari.

I produttori sono riusciti a mantenere le apparecchiature elettroniche piccole e facili, ma le batterie non possono essere ridotte. Le dimensioni degli auricolari oggi disponibili sono quindi determinate principalmente dalle dimensioni e dalla capacità delle batterie in essi incorporate.

Per i ricevitori dotati di sensori di Fitness integrati (per lo più movimenti e pulsazioni), è necessario introdurre una maggiore tecnologia negli auricolari. A ciò si aggiunge il fatto che essi devono essere sigillati almeno contro il sudore, ma spesso anche contro L’acqua penetrante, ad esempio durante il nuoto, il che comporta involucri più pesanti e più grandi, oppure limita ulteriormente la dimensione delle batterie rinforzate.

Fornire una buona qualità Sonica in tutto questo è come la quadratura del cerchio. Ad esempio, il suono del Bluetooth-In-Ears, i cui auricolari sono almeno collegati a cavi o grucce per il collo, continua ad avere il naso davanti. Inoltre, i loro auricolari sono spesso più piccoli, poiché L’elettronica e la batteria possono essere sistemate nel collo. Questo aumenta il comfort Nell’orecchio – ma bisogna usare un fastidioso cavo.

Così abbiamo testato

Quasi tutti i True Wireless In-Ears attualmente disponibili sono stati testati. Oltre agli Apples AirPods, vi erano Apollo 7 e Muse 5 di Erato, L’edizione musicale Verveone di Motorola, L’Onkyo W800BT e il Dockpav X1T particolarmente vantaggioso.

In una seconda fase abbiamo testato Sony WF-1000X, NuForce BE Free8, Motorola VerveOnes+ ME, Motorola Stream Sport e Auvisio IHS-600. A ciò si aggiungono il Jabra Elite Sport, il Bragi Dash Pro, il Samsung Gear Icon e il BeoPlay E8. In totale, abbiamo ascoltato 18 prove di True Wireless In-Ear.

Così abbiamo testatoSuccessivamente, altri ascoltatori True Wireless vengono immessi sul mercato o, come nel caso dell’Elite 65t di Jabra, nuove varianti. Dopo L’aggiornamento con il Soul ST-XS e il favorevole numero BE Free5, abbiamo ampliato il campo di prova con altri sette True Wireless: da JBL arriva il FREE, Dall’Audio-Technica invia le cuffie Ath-SPORT7TW. Inoltre, HolyHigh si presenta con due concetti diversi: il TWS-i7 con Dock classico e il TWS-x9 nella saracinesca. L’ancora Soundcore Liberty Air accetta l’Apple Airpod in modo stilistico, ma con PASS, il BlitzWolf BW-FYE1 e, infine, il TaoTronics TT-BH052, respinge il campo di prova.

Ancora una volta, cinque nuovi modelli integrano il nostro Test; con il Momum True Wireless il primo True Wireless di Sennheiser, Nokia ha aggiunto il reggiseno 705, JVC ha aggiunto L’HA-XC70BT-R per L’uso duro Dell’Outdoor, ha aggiunto il TWS-T8 di Holyhighhs e infine il Lamax Dots1 della Repubblica Ceca.

Oltre a test auditivi approfonditi, abbiamo testato la comprensione del linguaggio al telefono e misurato la durata della batteria All’ascolto della musica a tutto volume. Naturalmente, sono stati determinanti anche il Setup e il funzionamento e la capacità degli In-Ears di adattarsi all’orecchio. A questo proposito ci siamo concentrati soprattutto sulla disponibilità di un numero di passaporti il più ampio possibile.

Infatti, come per tutte le cuffie In-Ear, la qualità del suono è essenziale anche per i colleghi privi di cavi, per ottenere il miglior adattamento possibile all’orecchio. Non solo determina il comfort, ma è anche il presupposto per una riproduzione profonda satura e contornata. Ecco perche ‘ abbiamo messo i candidati alla prova in orecchie e orecchie diverse.

Manovra e comando

Dato che non c’è molto spazio per i comandi degli ascoltatori in Ear, nella maggior parte dei casi bisogna accontentarsi della tastiera multifunzionale esistente, che deve essere utilizzata in ciascuno dei nostri soggetti per accendere/spegnere e attivare L’anello di pairing. Inoltre, Nell’azienda, i tasti sono anche responsabili della chiamata e dello scollegamento attraverso le tracce, come il codice Morse.

Alcuni produttori, tuttavia, si servono anche di trucchi: nel caso degli Apples AirPods, il pulsante di Pairing è montato sul contenitore compatto di carico e di stoccaggio e, già All’apertura della scatola, gli auricolari si collegano allo Smartphone. Gli In-Ears di Bragi possono essere controllati non solo con gesti, ma anche con movimenti della testa.

Nella maggior parte dei casi in-Ears senza fili si ottiene un Feedback tramite Un’edizione linguistica, ma talvolta si devono anche inviare segnali acustici.

Micro e vita della batteria

Oltre alle abilità musicali, che, come ho detto, dipendono fortemente dall’adattamento Dell’orecchio, si dovrebbe poter usare gli auricolari anche per telefonare. Almeno uno degli auricolari deve avere un microfono.

Nel caso di In-Ears con cavo, il microfono è spesso integrato nel cavo e può essere spostato verso la bocca per ottenere una migliore comprensione della lingua. Nel caso di True Wireless In-Ears, i microfoni sono più lontani dalla bocca e devono avere le caratteristiche di riferimento adeguate. Anche in questo caso abbiamo ascoltato attentamente e abbiamo potuto constatare differenze talvolta drammatiche.

Abbiamo anche bloccato la batteria, e solo quella dei tappi per le orecchie. Sebbene tutti i partecipanti al test, tranne uno, dispongano di un unico contenitore di carico e di stoccaggio dotato di una batteria più grande, non è possibile utilizzare gli Ears In fase di carico.

Vittoria Di Prova: Apple AirPods

Quando Apple ha cancellato il Libro delle cuffie all’iPhone 7, ha dovuto trovare una soluzione wireless. I risultati sono gli AirPod.

Non sono adatti solo all’iPhone. Grazie a Bluetooth come protocollo di trasmissione, gli AirPod possono essere usati anche con dispositivi al di là del mondo Apple.

Vittoria Di Prova: Apple AirPodsGli AirPods sono consegnati direttamente nel contenitore snello di carico e di stoccaggio. Anche un cavo di collegamento (USB su Lightning) è incluso nel volume della fornitura – e gli AirPods sono già caricati al momento della consegna.

Né gli AirPod, né il mio androide Smartphone urlavano al Pairing: basta aprire la scatola, premere il tasto, e visualizzare lo Smartphone sulla rete Bluetooth. L’iPhone è ancora più semplice: si rende conto automaticamente quando nuovi Airpod sono nella sua scatola accanto all’iPhone e chiede se gli AirPod devono essere collegati all’iPhone. Se lo confermiamo con un click, la struttura e ‘ gia ‘ chiusa. Oh, Wow.

Un AirPod All’orecchio ha bisogno di un po ‘di tempo per abituarsi, almeno quando si e’ abituati ai classici In-Ears con dei pass. Perche ‘i pod vengono inseriti nel canale uditivo, cosi’ le bacchette indicano verso il basso.

Non si riesce a sigillare al cento per cento, come per i passaggi di Comply, e all’inizio si ha la sensazione che gli AirPod cadranno da un momento all’altro. Ma non lo fanno, almeno non prima di altri In-Ears.

Chi non è abituato alle cuffie in Ear, per lui gli AirPod sono più piacevoli della maggior parte degli altri In ear, perché non sono così profondi nel canale auricolare e non chiudono la porta in modo così ermetico.

Apple sostiene che gli AirPods hanno una forma di passaporto universale, ma non è del tutto vero: si adattano effettivamente alla maggior parte delle orecchie, ma non a tutte. Se gli AirPod non riescono a trovare una giusta posizione Nell’orecchio, sono semplicemente inadatti. Chi riesce a gestire il normale Headset In Ear, che porta L’Apple con l’iPhone, non avrà problemi anche con gli AirPod: la sua forma di passaporto è praticamente identica.

Test dell’udito

Una volta schierati, gli AirPod stanno facendo un ottimo lavoro. Anche se gli In-Ears non vanno in profondita ‘ nei bassifondi, non sono fastidiosi nei bassifondi. Anche se questo verdetto sembra un comportamento, gli AirPod sono stati tra i migliori in assoluto. Solo gli In-Ears di Sony, Nuforce e Beoplay riescono a superare gli AirPod, almeno quando si tratta di ascoltare musica.

Al telefono, però, gli AirPods hanno il naso davanti: non si può parlare al telefono con nessun altro In-Ears senza fili. Il segnale di chiamata e ‘ all’AirPod destro, con un segnale di bussola silenzioso, e ora sento il mio chiamante in modo chiaro e inequivocabile su entrambi gli auricolari. Non e ‘cosi’ per tutti i partecipanti al test, alcuni comunicano solo attraverso un orecchio mentre parlano al telefono.

Rispetto agli altri dispositivi di prova, sono stato in grado di capire meglio con gli AirPod del mio chiamante, anzi meglio che con L’iPhone. Per la maggior parte degli altri, invece, la voce sembrava lontana e spesso un po ‘ vuota, nella migliore delle ipotesi, come nel caso dell’apparecchio telefonico in macchina, ma in parte con una scarsa comprensione della lingua.

Servizio

Il funzionamento degli Airpod e ‘ semplice e intuitivo come quello della Apple. Quando gli AirPod sono collegati allo Smartphone, si connettono automaticamente non appena si apre il contenitore di trasporto e si tolgono gli auricolari.

Inoltre, gli auricolari, che siano o meno Nell’orecchio, riconoscono che se si toglie un auricolare Dall’orecchio mentre si suona la musica, la musica si ferma automaticamente. Se lo rimetti in funzione, la musica continua. Quando si chiama, si usa un telefono Nell’orecchio, quando si riceve una chiamata, l’iPhone passa immediatamente all’auricolare. Se lo togli dall’orecchio durante una conversazione, la chiamata e ‘ collegata direttamente all’iPhone.

Dato che Apple ha completamente rinunciato ai tasti, i gesti per controllare gli AirPod sono gestibili. In primo luogo, un doppio battitore ha attivato solo il controllo vocale Siri, mentre nelle impostazioni di Bluetooth Si può adattare il doppio segnale sia per L’auricolare sinistro che per quello destro. Si seleziona Siri, si ferma o si continua la musica e si salta al titolo successivo o precedente. Puoi sempre rispondere alle chiamate e finire con un doppio Tap.

Tutto il resto e ‘ sotto la supervisione del Siri. Per attivare Siri, o si punta due volte su uno dei due imbroglioni – se impostate di conseguenza – e si dice »Ehi, Siri« o si lancia Siri sul cellulare. Poi si dice quello che si vuole: per esempio, chiamare un contatto, fare una playlist o una canzone, o iniziare una nuova rotta. Tutte le funzioni Siri sono disponibili.

E ‘ ovvio che un comando vocale a Siri può cambiare il volume o saltare una canzone, ma in fin dei conti il controllo della musica e del volume è il più veloce e semplice se si usa lo Smartphone per farlo. In questo modo si evita il sospetto degli occhi di tutti i viaggiatori.

Durata della batteria

Per quanto riguarda la durata della batteria, gli AirPod mostrano ciò che sanno fare: con quattro ore piene di rumore, sono stati tra i più duraturi in-Ears nel nostro Test. Con la musica piu ‘silenziosa, sono sicuro che ci sara ‘un’ora o due in piu’.

Se metti gli AirPod nella scatola, li ricaricano automaticamente. Tuttavia, ci vuole un’ora ogni volta, e questo è interessante solo per lunghi viaggi o vacanze.

Svantaggi?

Uno svantaggio può essere la scarsa capacità di adattamento, in quanto gli AirPod non dispongono di pass per costruzione. Tuttavia, non abbiamo riscontrato grandi problemi, il che non significa nulla. Se non sono compatibili, occorre ricorrere alle alternative: I Sony WF-1000X e la Nuforce Be Free8 sono molto più adattabili grazie ai passaporti forniti. Ma, come ho detto, per la maggior parte delle persone, gli AirPod sono a posto.

La linea di carico della scatola è progettata come interfaccia di Lightning, quindi il cavo deve essere sempre presente durante i viaggi – è piuttosto fastidioso per i proprietari di androidi, i proprietari di iPhone hanno già il cavo.

La forma con le bacchette lunghe può causare una collisione con gli orecchini esistenti. Il problema, però, è che ci sono altri ascoltatori, a seconda del tipo di orecchio.

Apple AirPods nel livello di prova

Anche per i test di immagine computerizzata (12/2016), gli AirPods sono al primo posto, addirittura sonori. Inoltre, controlla la comodità del sedile Nell’orecchio e la durata della batteria. Solo il controllo vocale viene interpretato come uno svantaggio Apple:

L’unico Bluetooth in Ears senza fili testato finora non ha chiuso il canale uditivo e, di conseguenza, è il più confortevole. Il Design è una questione di gusto, eppure gli AirPod sono convinti nel Test: nonostante tutti i dubbi, essi non cadono fuori dallo Sport e sono assolutamente al sicuro, anche se provocati. Con un vantaggio minimo rispetto all’Elite dello Sport di Jabra, la batteria si mantiene a poco più di 6 ore (invece del 5 promesso dalla Apple) tra tutti i Bluetooth In Ears senza fili testati finora. Poco pratico: il comando, cioè L’accettazione della chiamata, il controllo della musica o del volume, funziona solo per via Siri negli Airpod.”

Anche Julia Maehner di CHIP (03/2017) è attratta dalla lunga durata della batteria, ma di solito non riesce a mettere i capelli sugli AirPods.:

Gli Apple AirPods sono le cuffie Bluetooth Senza Fili del produttore di iPhone. Il Test si concentra sulla lunga durata della batteria e sul facile collegamento con i prodotti Apple. Ma nelle categorie veramente importanti, suono, controllo e progettazione, gli AirPods sono al di sotto della media.”

La critica al suono, tuttavia, non ci è chiara. Ci piace il suono, se i tappi vanno bene.

Anche la fondazione di qualità (02/2017) ha esaminato gli AirPods. C’è un ” + ” per la forma del passaporto: quasi tutti i Tester sono andati d’accordo con i tappi.:

“Il Motto di Apple è come sempre: “One size fits all”. A dire il vero, gli AirPod sembrano avere un gran numero di orecchie: tre test su cinque hanno ritenuto che il sedile fosse stabile e sicuro. Anche se la testa si muoveva forte e veloce, Le capsule non le uscivano dalle orecchie.

Anche il semplice abbinamento con iPhone e Androide è elogiato dagli esteri di prodotto. Al Test 11/2018, Apple ricevette persino un encomio per la classe di prezzo.:

“Con 168 Euro, gli Apple AirPods sono il premio Migliore sotto le cuffie completamente senza fili. Sono pari a quelli della Bose SoundSport Free Wireless per 184 Euro.”

Alternative

In fin dei conti, la Apple con gli AirPod è in testa. Tuttavia, dal punto di vista quantitativo e delle attrezzature, le cose vanno meglio se si è disposti a spendere di più. Tuttavia, esistono anche modelli che sono molto più economici e che rappresentano una buona alternativa, se si accettano alcune limitazioni.

Sennheiser Momentum True Wireless

Il Momentum True Wireless è finalmente apparso. Dopo una lunga prova di pazienza, è spuntata fuori una cuffia fantastica che dimostra la qualità e punta con L’uso intelligente. Bisogna scavare un po ‘ piu ‘a fondo nel portafoglio, ma il suono e’ altissimo.

Sennheiser Momentum True WirelessI Sennheiser sono piuttosto grandi, ma sorprendentemente si adattano molto bene anche ai canali uditivi stretti. Sono molto ben imbottiti, confortevoli e al sicuro nell’orecchio. L’anello di Pairing si muove molto velocemente e il servizio è supportato da una voce che già fa pensare all’alta qualità del suono dei ricevitori.

Viene azionato sulla superficie Touch dei due In-Ears: una pressione lunga a destra alza il volume e una pressione lunga a sinistra la abbassa. Una volta digitare a destra, Siri, L’assistente di Google e altri, e L’accettazione della chiamata, una volta digitare a sinistra e fermare la musica.

L’applicazione “Smart Control” può influenzare il suono quando si è abituati all’uso stravagante dell’equalizzatore; come un cavo, le frequenze vengono sollevate o abbassate separatamente.

Anche senza queste frequenze, il Momum True Wireless sembra il piu ‘ maturo di tutti i miei possedimenti, fino ad ora, True Wireless In-Ears. Il suono e ‘bilanciato, ben dissolto nel mezzo e Nell’alto, e con un fondo basso profondo che e’ solo leggermente sollevato, se non addirittura sollevato. Il palco musicale e ‘ lungo e profondo, come lo si conosce quasi solo da grandi cuffie da stiro.

Anche quando si parla al telefono, il Momentum è molto chiaro – e su entrambi i canali, ma la normale latenza di quasi un secondo è un problema.

Trattamento pulito, un bel bacino di carico e un suono molto maturo sono i paletti che possono sfruttare il Momentum True Wireless, ma purtroppo hanno anche il loro prezzo.

Sony WF-1000X

Con il WF-1000X, Sony ha introdotto il Noise Cancelling attivo per gli ears completamente wireless e che tipo! Oltre al solito “Noise Cancelling”, che, come al solito, sopprime principalmente il rumore dei motori durante il volo e la corsa in treno, esiste ancora la modalità “Ambient Sound”. Ad esempio, esso sopprime il rumore di fondo piuttosto monotono nell’Ufficio del grande spazio o nel compartimento del treno, ma è così intelligente da trasmettere messaggi e segnali di avvertimento, ad esempio.

Sony WF-1000XAnche se ci si rivolge più o meno direttamente, per cui quando una voce si fa sentire in modo significativo dal mormorio sottinteso, i Sonys continuano a guidare quello che ha funzionato bene durante il Test, anche se il Posteggiante non sempre ha parlato di me. Tuttavia, L’applicazione gratuita consente di ottimizzare alcune cose, tanto più che i WF-1000X sono così intelligenti da poter individuare, se necessario, lo stato di movimento attuale (riposo, Sport, camminare) e adattare la modalità Ambient Sound in base alle proprie impostazioni predefinite.

Tutti i Noise Cancelling-Modi non hanno un impatto udibile sul suono, ed è questa la cosa buffa, perché i SONY suonano molto meglio degli Airpod, il che sicuramente ha a che fare con i molti passaggi che vengono forniti.

Anche in questo caso, gli auricolari si connettono immediatamente allo Smartphone quando li estraggono dalla scatola dei trasporti. Ma e ‘quasi il doppio di quella degli Airpod, ma puo’ ricaricare completamente Gli in-Ears solo due volte.

La manovra è effettuata tramite una spilla all’auricolare destro. E ‘ un modo per lanciare e fermare la musica, saltare i titoli e rispondere alle chiamate. C’e ‘ una forte pressione che fa partire L’assistente di Google o Siri. Con la spilla sull’auricolare sinistro si possono scegliere i diversi profili Noise Cancelling.

Al telefono, però, i Sonys hanno il punteggio più basso. In particolare, la qualità linguistica dell’interlocutore non è buona, e per di più il suo interlocutore si sente solo da una parte. Anche per quanto riguarda la durata della batteria, i ricevitori Apple passano davanti ai Sonys: con circa tre ore di funzionamento, I Sony spengono l’aria molto più rapidamente.

I Sony WF-1000X sono anche per i nerd della tecnologia, i Clangenthusisti e i molti viaggiatori. Dal punto di vista dei Prezzi, essi sono ormai al livello degli Airpod e rappresentano una buona scelta per tutti coloro che si preoccupano del Noise Cancelling attivo e che possono vivere con la batteria più debole.

Jabra Elite Sport

Il Jabra Elite Sport porta con sé sei esemplari, di cui tre in silicone e tre in Foam, rispettivamente nelle dimensioni S, M E L. Inoltre, se necessario, le ali Ear aggiuntive, ossia le ali, forniscono Un’ulteriore fermata. Anche in questo caso si possono scegliere tre grandezze. E ‘ chiaro che Jabra sa che True Wireless in-Ears ha bisogno di un rifugio sicuro, tanto più se si tratta anche di attività sportive.

L’Elite Sport viene utilizzata con tasti facilmente visibili sui tappi delle orecchie. Lo Sport è più pratico che pulire, ma richiede un po ‘ di pratica. Con L’auricolare sinistro, il volume può essere regolato con le controfigure, e con una pressione maggiore si saltano i titoli. Con il pulsante sul ricevitore destro si accende e si ferma la musica, un doppio tasto si attiva la funzione Hear-Through e una pressione prolungata si attiva L’assistente di Google o Siri.

Tali opportunità sono offerte anche da altri In-Ears, ma l’élite sportiva dispone di altri elementi che lo caratterizzano per lo Sport. Cosi ‘ e ‘a tenuta stagna per IPX6, inclusa la resistenza al sudore, ma non si puo’ nuotare con lui. Ma soprattutto, è dotato di un sensore di movimento e di frequenza cardiaca. In questo modo, il Jabra, o la relativa applicazione di Jabra Sport, può visualizzare e registrare sia il movimento che la frequenza cardiaca.

L’App consente di elaborare piani di addestramento completi e documentare i progressi compiuti in materia di addestramento, nonché uno strumento di premiazione che premia L’atleta con un trofeo, virtuale ma non meno motivante, se migliorato in una serie di allenamenti. È inoltre possibile stabilire un collegamento diretto con comunità come Strava e Endomondo. I servizi possono anche essere condivisi attraverso i social network, sia individualmente che collettivamente, come le corsie, i livelli di Fitness, la durata dell’addestramento e così via. E ‘ molto importante che nessuno sia costretto a condividere il suo programma di fitness. Puoi allenarti da solo. La grande varietà delle funzioni è disponibile molto rapidamente, grazie ad applicazioni sofisticate e ad un collegamento rapido e semplice.

Se ben interpretato, il Jabra sembra molto equilibrato, senza che gli sfugga un po ‘ di divertimento e di esercizio. Il fondo del basso e ‘ solo leggermente sollevato, il Centro e le alture sono aperte e chiare. Ma i Jabras non suonano bene come gli In-Ears di Sony e NuForce. Purtroppo, anche il controllo del volume a volte reagisce in modo un po ‘ brusco.

Una grande sorpresa e ‘ la lunga durata della batteria di quattro ore e mezza nel nostro Test. Con la scatola dei trasporti, la Jabra Elite Sport puo ‘ essere completamente ricaricata due volte.

In questo modo lei rappresenta per noi una raccomandazione per tutti coloro che vogliono utilizzare In-Ears senza fili, soprattutto per lo Sport. L’unico problema è che lo Smartphone deve essere sempre presente, perché gli Jabra non hanno una memoria propria, contrariamente alla nostra prossima raccomandazione.

BlitzWolf BW-FYE1

Il BlitzWolf BW-FYE1 è il nostro nuovo vincitore del premio, ma non ho potuto evitare un certo scetticismo alla vista degli In-Ears. Tuttavia, dopo L’inserimento, ho potuto fare amicizia con gli altri tappi di gomma fissati saldamente all’alloggiamento allungato, che forniscono un supporto supplementare e che sono molto confortevoli per i bambini BW-FYE1.

BlitzWolf BW-FYE1I pass forniti sono di dimensioni piuttosto ridotte rispetto alla concorrenza, per cui ho dovuto afferrare la dimensione più grande (L) dove altrimenti la dimensione M o addirittura S sarebbe sufficiente a sigillare i canali uditivi. In tal caso, però, il suono può essere pienamente sviluppato. Il basso e ‘ notevole, ma non iperattivo. Tuttavia, i passaggi chiari, specialmente nelle immagini vocali, possono avere una certa tendenza ad avere delle armoniche scure.

Ogni tappo è munito di un piccolo tasto per azionarlo. Nel dubbio funziona meglio di una cattiva superficie. Entrambi gli ascoltatori sono attivi al telefono, per cui si sente la contrapposizione con entrambe le orecchie, ma anche in questo caso il lupo mannaro non si indebolisce: la trasmissione è solo un po ‘ confusa e soffre dell’inevitabile latenza, ma anche limitata.

La batteria della coppia dura piu ‘ di cinque ore prima che questi due tornino nella scatola di carico. Puoi farlo almeno sette volte, finche ‘la scatola non sara’ ricaricata. Il BlitzWolf BW-FYE1 fornisce attualmente il miglior rapporto qualità / prezzo sul mercato True Wireless.

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here